.
Annunci online

ciccio
il nuovo che è avanzato

francesco cundari


Diario


5 marzo 2004

EXCUSATIO - 1

Non credo siano in molti a dedicare tutte le proprie energie fisiche e intellettuali al blog, e quei pochi non vorrei conoscerli. Il blog è chiaramente una di quelle cose che si insinuano nella tua vita sottilmente (in realtà stavo cercando un altro avverbio, quello che sta a metà tra inopinatamente e proditoriamente, chi lo trovasse è pregato di mandarmi una mail o lasciare un commento) e prima che tu te ne accorga si è installato lì e non puoi più farci niente, lo devi accudire. Certo, nei ritagli di tempo e un po' alla bell'e meglio, come un genitore distratto, ma anche quando non vai a trovarlo sai che dovresti andarci, fargli almeno un colpo di telefono, fare almeno finta di prendertene cura. Il tarlo del rimorso si insinua nella tua coscienza qualsiasi cosa tu faccia, e non vale accampare la classica scusa che lavori tutto il giorno per portare il pane a casa e che non hai tempo. Il blog è un po' come un figlio indesiderato, cominciata come una scappatella, un piacevole svago di qualche giorno e senza grandi piani per l'avvenire, e finita con la dura responsabilità di genitore. Un padre assente, distratto e svogliato, ma sempre tormentato dal rimorso. Per questo quando ti capita di vederlo, o amici e parenti ti raccontano di averlo incrociato per caso, sei sempre preoccupato del loro giudizio, che non fosse coperto abbastanza o avesse i capelli arruffati, e vorresti subito giustificarti, spiegare, ma sai che è inutile. L'unica cosa che ti salva, almeno qui, è quella meravigliosa parola in cima: diario. Ecco, è il mio diario. Non ho chiesto di pubblicarlo alla Mondadori, non ho pregato nessuno di andarlo a vedere. Siete voi che avete deciso di sbirciare nel mio diario, e quello che scrivo nel mio diario sono affari miei. Per questo vorrei dire ai gentili manutentori della piattaforma: cambiate pure la grafica, l'editor o quello che vi pare, ma che nessuno si azzardi a togliere quella parola dalla testata.




permalink | inviato da il 5/3/2004 alle 13:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (12) | Versione per la stampa
sfoglia     febbraio        aprile
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE

articoli



“Gli scacchi sono tutto: arte, scienza e sport”

Anatolij Karpov

“Non c'è peggior reazionario del rivoluzionario pentito”

Lenin

“Beato il popolo che non ha bisogno di prodi”

Bertolt Brecht



  
          

CERCA